Raramente, per quello che è la mia limitata esperienza personale, gli utenti Windows si prendono la briga di abilitare il ClearType come “metodo per smussare gli angoli dei caratteri dello schermo”.
Molti semplicemente non conoscono l’opzione, altri la provano e non la trovano poi così utile: io sono tra questi.
Non so bene neanche il perchè, ma nonostante ClearType nasca proprio per facilitare la lettura, in particolar modo sugli schermi LCD, io ho sempre preferito sul mio notebook i font privi di antialiasing. Mi sembrano semplicemente più chiari.
Naturalmente questo è il mio punto di vista, peraltro suscettibile di rettifiche: magari è solo questione di abitudine, e sforzandomi di tenere attivo ClearType per qualche tempo, potrei anche finire per apprezzarlo e preferirlo.
Probabilmente un ragionamento del genere devono averlo fatto alla Microsoft quando hanno deciso di abilitare di default il ClearType in IE 7, bypassando le preferenze utente: che lo abbiate abilitato o meno a livello di sistema, in IE 7 dovrete accollarvelo. Abituatevi. :-)
In effetti Bill Hill, uno degli inventori di ClearType, dà sul blog ufficiale di IE7 una spiegazione un tantino più ragionata (ma pur sempre opinabile).
Qualcuno dissente, qualcun altro concorda… vedremo cosa succederà di qui al rilascio della versione definitiva.